Il volto del futuro

12/12/2014
Compartir!

In questo mondo in rapida crescita nel quale viviamo, l'innovazione tecnologica è un must per la maggior parte dei settori industriali. I cambiamenti sono piuttosto evidenti: siamo passati dal fare i compiti per casa e consegnarli al nostro insegnante al condividerli on-line in un blog comune tra i nostri compagni di classe. O dallo svolgere dei calcoli matematici manualmente al pigiare semplicemente dei numeri su una calcolatrice e lasciare che questa faccia il suo lavoro. Non vi è dubbio che la tecnologia ci ha portato solamente ad un più alto senso di comfort rendendo la nostra vita molto più facile.

Il software di riconoscimento facciale sta vivendo un progresso di incredibile innovazione e le sue capacità sono notevolmente aumentate. Il riconoscimento facciale è in continua evoluzione e sta diventando sempre più intelligente perché la gente lo sta utilizzando sempre di più, anche se non si rende nemmeno conto di farlo.

Diamo un'occhiata alla nostra vita quotidiana. I social network hanno introdotto un software di riconoscimento facciale che riconosce automaticamente l’identità delle persone e suggerisce di taggare la persona nella foto. Molte applicazioni stanno utilizzando anche questo tipo di software per rilevare i volti e apportare modifiche attraverso alcuni strumenti di editing o per indovinare l'età e il sesso del soggetto rilevato.

"Uno dei motivi per cui il riconoscimento facciale è così popolare è che le immagini dei volti esistono per quasi tutte le persone", ha detto Kevin Bowyer, un esperto di biometria e presidente del dipartimento di informatica e ingegneria presso l'Università di Notre Dame.

E se ci pensate, i progressi compiuti nel rilevamento e nell’identificazione facciale negli ultimi dieci anni sono stati impressionanti.

Preciso e Unico

Ora, andando oltre il dibattito di sicurezza o privacy, è necessario capire come la tecnologia di riconoscimento facciale aiuti a migliorare il benessere delle persone e delle aziende su molti livelli differenti.

La sorveglianza in generale si trova oggigiorno nella nostra quotidianità. E il riconoscimento facciale è utilizzato in molti modi come nei social media, nelle imprese commerciali, negli eventi sportivi, nelle banche, nelle forze dell'ordine e nei mezzi di trasporto. Secondo il NIST, gli algoritmi di riconoscimento facciale di oggi hanno dimostrato di essere 10 volte più precisi di quelli del 2002, e 100 volte più precisi di quelli del 1995, quindi si tratta di un tipo di software che sta ancora vivendo un affascinante periodo di innovazione.

Il riconoscimento biometrico offre un elevato livello di sicurezza per le imprese e le industrie. Molti paesi beneficiano dell'utilizzo del riconoscimento facciale nei loro servizi ed eventi ed aumenta la loro reputazione grazie alla sicurezza sperimentata dai loro cittadini. Adesso, questa tecnologia ci permette di identificare le persone straniere che desiderano visitare il nostro paese, migliorando le probabilità di individuare intrusi e malintenzionati e consentendo/negando l'accesso in aree specifiche.

Ma come molte altre tecnologie, non è così semplice come può sembrare. "L'identificazione è un processo molto disordinato. È com’è disordinato per l'uomo lo è anche per i computer", ha riferito Kelly Gates, autrice di Our Biometric Future: Facial Recognition Technology.

"Le persone appaiono come chiunque altro, le persone hanno un aspetto diverso nel tempo... Non puoi mai stabilire certezze; puoi solo stabilire le probabilità di fare centro. "

Inoltre, il concetto di riconoscimento facciale è intrinsecamente freddo, ed i suoi vantaggi sono evidenti. Quanti film di fantascienza, cartoni animati e fumetti hanno portato avanti l'idea della tecnologia biometrica? Potremmo presto essere in grado di pagare nei negozi attraverso la semplice scansione dei nostri lineamenti del viso!

Lo sapevi?

Gli studi sul riconoscimento facciale sono iniziati nel 1960, con Woody Bledsoe insieme a Helen Chan Wolf e Charles Bisson - pionieri del riconoscimento facciale automatico - lavorando insieme utilizzando dei computer per riconoscere i volti umani.

Fino ad ora, ci sono stati molti miglioramenti nella tecnologia biometrica, non solo per quanto riguarda il riconoscimento facciale ma anche nell’ambito delle impronte digitali e nell'identificazione dell'iride. Tuttavia, il fattore chiave che ha reso il riconoscimento facciale uno strumento rilevante per la sicurezza è che non vi è la necessita di avere un contatto diretto con il soggetto. È per questo che molte industrie continuano ad investire in ricerca e miglioramenti per la tecnologia di riconoscimento facciale, portando alla possibilità di riconoscere i volti nelle immagini ad alta risoluzione e nelle telecamere, nonché a nuovi algoritmi che sono in grado di distinguere i gemelli identici.

Written by: Laura Blanc Pedregal

Chi lo sa? Se Herta fosse stato lì, ma ci viviamo in paradiso.